Al momento stai visualizzando Saldo contributi per l’alluvione: indirizzare parte delle donazioni a favore del saldo dei contributi

Saldo contributi per l’alluvione: indirizzare parte delle donazioni a favore del saldo dei contributi

Bologna – 24 gennaio 2024 – Con un’interrogazione alla Giunta il Gruppo RETE CIVICA – Progetto Emilia-Romagna, a prima firma del Consigliere Marco Mastacchi e come secondo firmatario il Consigliere Simone Pelloni, pone la questione dei saldi dei contributi per l’alluvione previsti dall’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile (O.C.D.P.C.) n. 999 del 31 maggio 2023 una procedura che doveva consentire di accelerare e alleggerire l’attività istruttoria per le misure di immediato sostegno ai nuclei familiari interessati dall’alluvione. Il sostegno previsto consisteva in un primo contributo a titolo di acconto di 3.000 euro, per arrivare fino a 5.000 euro come saldo successivo. 

Sono arrivate diverse segnalazioni di cittadini che al momento della compilazione della richiesta del saldo del contributo si sono accorti che il rimborso delle prestazioni tecniche (progettazione, direzione lavori, ecc.) è solo del 10% al netto dell’Iva. Molti cittadini non sono né in grado di sostenere le spese né possono indebitarsi con le banche per presentare relazioni tecniche, progetti, indagini geologiche indispensabili per poter rendere agibili nuovamente le proprie abitazioni principali.

La limitazione del rimborso al 10% è stato ripreso anche dall’ordinanza 14 del novembre 2023 del COMMISSARIO STRAORDINARIO ALLA RICOSTRUZIONE in merito ai contributi di cui all’articolo 20-sexies del decreto-legge 1° giugno 2023, n. 61, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2023 n. 100, per gli immobili di edilizia abitativa e relative pertinenze e l’interrogazione di Rete Civica chiede alla Giunta se non ritenga opportuno attivarsi affinché una parte delle donazioni a favore delle popolazioni alluvionate, possa essere indirizzato per coprire le spese obbligatorie e necessarie, previste dalla normativa edilizia, sostenute dai cittadini colpiti dall’alluvione per rendere nuovamente agibili le proprie abitazioni principali.