• Tempo di lettura:3 minuti di lettura
Al momento stai visualizzando Dalla Regione 10 mln di euro contro le barriere architettoniche

Dalla Regione 10 mln di euro contro le barriere architettoniche

Risorse per finanziare interventi nelle abitazioni private: la richiesta va inoltrata al proprio Comune

Le barriere architettoniche sono ostacoli fisici che impediscono la fruibilità degli spazi alle persone con disabilità o con limitate capacità motorie persona. Una porta stretta, una rampa di scale o, talvolta, un unico gradino possono costituire un grave ostacolo per le persone con difficoltà motoria o sensoriale.

La Regione Emilia-Romagna ha stanziato complessivamente quasi 10,2 milioni di euro, tra risorse statali e regionali, per l’eliminazione e il superamento di queste barriere negli edifici e nelle abitazioni private.

Sono risorse destinate a Comuni ed Unioni per finanziare i lavori edilizi di miglioramento dell’accessibilità negli appartamenti e nelle parti comuni dei condomini, ma saranno poi i Comuni ad assegnarle ai cittadini che ne fanno richiesta.

Gli interventi ammessi a questo contributo sono le opere per l’eliminazione delle barriere fisiche come l’adattamento dei servizi igienici, l’allargamento delle porte, o l’eliminazione di gradini all’interno dell’abitazione, l’installazione di ascensori, montascale e l’automazione per porte e cancelli.

Le richieste di contributi: come e a chi inviarle

La domanda di contributo deve essere presentata – entro il 1°marzo di ogni anno – al comune nel quale si trova l’immobile.

L’entità del contributo viene definita sulla base delle spese effettivamente sostenute e comprovate.

Le graduatorie delle domande

Hanno la precedenza le domande che si riferiscono a persone con disabilità o con difficoltà di deambulazione e si applica alla graduatoria il criterio del reddito ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) del nucleo familiare del richiedente.


Per maggiori informazioni occorre contattare il proprio comune di residenza