• Tempo di lettura:4 minuti di lettura
Al momento stai visualizzando Polstrada di Casalecchio: un nuovo presidio per la sicurezza

Polstrada di Casalecchio: un nuovo presidio per la sicurezza

Bologna – 19 Gennaio 2021 – Si è discussa in Aula la risoluzione presentata alla Presidente dell’Assemblea legislativa Emma Petitti e alla Giunta Regionale dal capogruppo di RETE CIVICA Progetto Emilia-Romagna Marco Mastacchi per chiedere l’attivazione di un tavolo di confronto sul territorio con tutti i soggetti interessati per sostenere la richiesta della cittadinanza di aprire un nuovo presidio di Polizia Stradale o un commissariato a Casalecchio di Reno (BO), utile per il territorio a tutela della sicurezza di tutti gli utenti che attraversano quelle strade. 

RETE-CIVICA-Sala-Biagi

“Non solo non si dovrebbe chiudere il Presidio di Casalecchio, ma vista la sua importanza anche per il controllo del territorio, andrebbe valutato un suo potenziamento facendolo diventare un vero e proprio Presidio di Pubblica Sicurezza.”  Era il commento di Mastacchi alla chiusura del Presidio della Polstrada di Casalecchio di Reno decisa dal Governo nel Piano di Razionalizzazione e Ottimizzazione e avvenuta il 5 ottobre scorso. Da registrare il sostegno trasversale di tutte le forze politiche, economiche e sociali del territorio, contrarie a tale decisione.

Il Presidio di Casalecchio di Reno controllava un punto nevralgico del territorio, snodo importante del traffico locale e non solo, fortemente congestionato e ad alta incidentalità, che necessita di controllo costante perché anche via accertata di numerosi traffici illeciti. “Un riferimento importante per la sicurezza stradale in un territorio che presenta importanti criticità di viabilità” commentava Mastacchi a seguito della risoluzione da lui presentata alla Giunta Regionale per evitarne la chiusura.   

La volontà di mantenere a tutti i costi il Presidio attivo e funzionante aveva registrato anche l’offerta da parte del Comune di Casalecchio di nuovi locali comprensivi di utenze messi a disposizioni gratuitamente. Offerta mantenuta valida da parte del Comune. 

Casalecchio è un centro abitato che ha registrato nel tempo un incremento demografico importante e che attualmente vede la popolazione residente passare da 36.000 a 100.000 quando nel corso della giornata si aggiungono impiegati e addetti delle attività commerciali e produttive operanti in loco. “Sarebbe auspicabile un cambiamento diretto a realizzare un vero e proprio presidio di Pubblica Sicurezza valorizzato e più funzionale in modo da rispondere alle nuove e mutate esigenze di quella realtà” asserisce Mastacchi.

Si considera talmente nevralgico e strategico lo snodo di Casalecchio che l’interrogazione di Mastacchi ha visto firmatari con lui i Consiglieri Lisei, Facci, Castaldini, Zappaterra, Mumolo, Fabbri, Pillati, Piccinini, Caliandro, Paruolo e Rontini a testimonianza della trasversalità dell’appoggio che la richiesta incontra. Di più ancora, un emendamento del Consigliere Mumolo propone, oltre alla riapertura del presidio della Polstrada, un rafforzamento anche della presenza dell’Arma dei Carabinieri, la cui preziosa collaborazione è imprescindibile per il Comune di Casalecchio. Tale rafforzamento troverebbe espressione adeguata nella designazione a Tenenza dell’attuale presidio.   

La proposta è stata approvata all’unanimità dall’Aula.