• Tempo di lettura:7 minuti di lettura
Al momento stai visualizzando Rete Civica si presenta

Rete Civica si presenta

Lo scorso 15 ottobre si è tenuta a Bologna in Sala Biagi nel Complesso del Baraccano e sede del Quartiere Santo Stefano, la conferenza stampa ufficiale di presentazione dell’Associazione politica RETE CIVICA.

Ad un pubblico numeroso per quanto consentito dalle norme imposte dall’emergenza sanitaria in corso, RETE CIVICA si è presentata come progetto per l’Emilia-Romagna con l’ambizione concreta di rappresentare tutti i Movimenti Civici orfani sul territorio” (Marco Mastacchi). 

A fare gli onori di casa Fabrizio Nofori, Segretario Provinciale di Bologna: “Presentiamo oggi RETE CIVICA, un movimento che ha due anni di vita e che si avvale sul territorio di innumerevoli rappresentanze politiche fatte di Consiglieri Regionali, Comunali, Provinciali, Assessori e Sindaci in tutte le province dell’Emilia-Romagna. 

Per quanto concerne Bologna abbiamo il Gruppo RETE CIVICA nel Consiglio Metropolitano rappresentato da Alessandro Santoni (Sindaco di San Benedetto Val di Sambro) e Lorenzo Mengoli (Consigliere Comunale a Bentivoglio)  e Consiglieri Comunali  nei  comuni di San Lazzaro, Casalecchio di Reno, Monzuno, Sasso Marconi, Minerbio.
Contiamo di avere a breve i rappresentanti in ogni Comune della Provincia.”  

Nofori ha poi introdotto i relatori: Carlo Monaco – filosofo e ideatore di RETE CIVICA, Marco Mastacchi – Vicepresidente e Consigliere Regionale e Domenica Spinelli – Portavoce e Sindaco di Coriano (RN). 

“In questi anni i Movimenti Civici sono cresciuti un po’ dappertutto” – dice Carlo Monaco che rivendica l’esperienza, pioneristica per quei tempi, fatta con Guazzaloca al quale nel tempo sono stati riconosciuti i giusti meriti e il giusto valore.

“La crescita dei movimenti civici si è realizzata soprattutto nel rapporto diretto tra cittadini e amministrazioni locali e Sindaci. Essere Civici non significa fare la ruota di scorta di uno schieramento politico perché i problemi della gente non sono né di destra né di sinistra. Sono problemi che vanno risolti e basta. Non siamo contro i partiti politici, ma il cimentarsi con i problemi reali della gente è un punto fondamentale del nostro progetto.” 

Per il Consigliere Regionale Marco Mastacchi non è sufficiente chiamarsi civici per rappresentare il civismo

Bisogna avere una storia, bisogna avere continuità, bisogna crederci e RETE CIVICA, che viene presentata oggi, è già una realtà consolidata con rappresentanti in tutta la Regione così come nella Città Metropolitana

“Da ex sindaco posso testimoniare che la difficoltà dei Sindaci e degli amministratori è anche quella di non avere riferimenti quando si devono affrontare tematiche di livello regionale o nazionale. Il politico di turno ti viene a cercare solo nel momento in cui gli sei utile per qualche motivo di visibilità ma nel concreto, quando sei tu che hai bisogno, trovi il telefono occupato, non ti richiama e così via.” 

Per quanto riguarda Bologna la RETE si metterà sicuramente in gioco: con il suo simbolo o  in coalizione o parte di una coalizione, questo dipenderà dalla situazione e dagli equilibri. Non c’è fretta ma solo la voglia di far bene e stare con chi condivide le nostre idee.  

Siamo pronti a confrontarci con gli altri partiti di centrodestra sia in termini di scelta dei candidati Sindaci sia di programmi, in tutti i Comuni della Regione.

Anche Domenica Spinelli, Sindaco di Coriano, sottolinea che quella che oggi si presenta non è una Lista Civica ma una RETE CIVICA.
“Una realtà partita da un sogno e questo sogno si è concretizzato nel momento in cui è riuscita a portare nella storia della Regione Emilia-Romagna il primo Consigliere Regionale Civico, Marco Mastacchi. Questo rende conto anche dell’importanza e del ruolo che il civismo ha e deve avere in tutta la Regione.

Infine e rispondendo alle domande su eventuali progetti per le prossime amministrative di Bologna, Fabrizio Nofori conferma l’apertura della RETE al dialogo con tutti. “Oggi la RETE si è ufficialmente presentata. Questo è un primo passo e da oggi siamo in campo. Siamo aperti alle proposte e dialogheremo con tutti quelli che prendano in considerazione la nostra visione. Con Tonelli siamo pronti al dialogo ma dovrà essere lui stesso a sciogliere i nodi ancora irrisolti della sua discesa in campo

In ogni caso abbiamo avviato una serie di contatti con possibili candidati dal mondo dell’imprenditoria bolognese a quello dello sport e ovviamente se dovessero concretizzarsi li porteremo al tavolo di discussione del centrodestra, perché su una cosa siamo sicuri: noi ci poniamo come alternativa alla giunta esistente.”