Al momento stai visualizzando Addio a Skipass: perdita gravissima per il territorio modenese, frutto del disimpegno delle istituzioni locali

“L’annuncio ufficiale dell’addio a Skipass rappresenta una grave sconfitta per l’intera provincia Modenese e per la montagna in particolare. Ma la notizia di oggi non è certo un fulmine a ciel sereno, viceversa è l’inevitabile punto di arrivo di un percorso iniziato un anno e mezzo fa con la con l’uscita di Comune, Provincia e Camera di commercio da Modenafiere srl. L’aver abdicato a un ruolo di guida territoriale, lasciando tutto nelle mani di Bologna Fiere, ha portato ai frutti nefasti che oggi siamo costretti a raccogliere”. A parlare è il consigliere di Rete Civica Simone Pelloni.

“L’Appennino modenese piegato dalla assenza di una rete infrastrutturale adeguata e dal lento spopolamento, vedeva in Skipass un momento di orgoglio e di valorizzazione delle proprie eccellenze turistiche, anche in vista delle prossime olimpiadi invernali che si terranno nel nostro Paese – continua Pelloni -. Con un freddo comunicato, nel quale si afferma che non ci sono più le condizioni per organizzare Skipass con una proposta adeguata per espositori e visitatori e dal punto di vista imprenditoriale, si cancellano in un attimo trent’anni di storia e si rinuncia alla Fiera modenese per eccellenza. Una sconfitta per il comprensorio montano, ma anche per tutto il mondo economico provinciale che di fatto è costretto a prendere atto della parola fine sulla Fiera di Modena. Non ci stupiremmo di rivedere Skipass rilanciato in qualche altra provincia del nord-Italia che saprà valorizzarne le enormi potenzialità. Chi ha responsabilità di Governo a Modena non ci è riuscito, il nostro territorio non meritava questo smacco”.